Comuni Ricicloni: Canale Monterano ancora al top

Stampa

Comuni Ricicloni del LazioSi è svolta la tradizionale e attesissima premiazione annuale dei Comuni Ricicloni del Lazio, quelli che superano il 65% di raccolta differenziata dei rifiuti secondo i dati raccolti da Legambiente attraverso i 'mud' comunali. Dati che poi costituiscono la base del “Dossier Comuni Ricicloni e ciclo dei rifiuti del Lazio”, vera e propria Bibbia del settore, dal quale trarre spunti e riflessioni per migliorare.

Ormai stabilmente tra i “Ricicloni” da qualche anno, Canale Monterano si è classificato al quinto posto nella speciale classifica dei Piccoli Comuni del Lazio, primo per la provincia di Roma, con un ottimo 82,9% di raccolta differenziata.

Fabrizio Lavini, vice sindaco di Canale“Ci confermiamo tra i comuni più virtuosi del Lazio nella gestione dei rifiuti - dichiara Fabrizio Lavini, vice sindaco di Canale, delegato ai Rifiuti presente ieri a Roma per ritirare il riconoscimento – e il merito è dei nostri concittadini, che hanno capito quanto è importante differenziare bene in termini di sostenibilità ambientale ed economica. Un grazie va all’azienda che gestisce la nostra raccolta differenziata e agli operai che tutti i giorni lavorano con dedizione e impegno. Un altro ringraziamento va all’ex consigliere delegato al Ciclo dei Rifiuti, Cesare Gizzi, che nello scorso quinquennio ha portato il nostro Comune là dov’è oggi. Un traguardo che ci spinge a lavorare di più e meglio, anche in vista dell’introduzione della Tarip - la tariffa puntuale sui rifiuti che si basa sul principio ‘chi meno inquina, meno paga’. Una sfida che ci vedrà preparati e forti di un progetto sviluppato insieme con il Comune di Oriolo Romano per un bando sulla porta a porta che vedrà insieme il quinto e il terzo piccolo comune del Lazio per differenziazione dei rifiuti."

“In neanche sei anni siamo passati dal 62 all’83% di raccolta differenziata – commenta il sindaco di Canale Monterano Alessandro Bettarelli - piazzandoci stabilmente ai primi posti per la raccolta differenziata nel Lazio. Non possiamo fermarci qui perché dal dossier di Legambiente emerge chiaramente che continuiamo a produrre troppi rifiuti. Servono quindi due cose: la prima un approccio diverso al consumo, perché il rifiuto migliore è sempre il rifiuto non prodotto. La seconda un’applicazione a 360 gradi del concetto che ‘chi inquina paga'. Purtroppo non sempre questo accade, anzi, spesso a pagare sono i Comuni virtuosi. Mi riferisco a quei Comuni della Città Metropolitana, che ieri durante la premiazione hanno manifestato contro la discarica di Magliano Romano. A loro va tutta la nostra solidarietà, perché non è più accettabile che Comuni che viaggiano sopra l80% di raccolta differenziata debbano accogliere i rifiuti di una città come Roma in cui la percentuale di differenziazione è ferma al 43% da anni.”