Scadenze fiscali del 16 dicembre

Stampa

IMUIl 16 dicembre sono in scadenza il saldo della TASI e dell'IMU 2014. Mentre siamo certi che per tale data i contribuenti dovranno versare il saldo IMU sui fabbricati e aree edificabili, per quanto riguarda i terreni agricoli l'incertezza regna sovrana, tant'è vero che molto probabilmente il pagamento dell'IMU sui terreni verrà prorogato al 26 gennaio 2015.

Il 28 novembre 2014 il governo Renzi con un decreto interministeriale ha rimodulato l'elenco dei comuni italiani portando l'altitudine minima a 601 metri per esentare dal versamento dell'Imu i terreni agricoli. Il 1° dicembre il MEF ha emanato un comunicato esplicativo.

Mentre siamo in attesa di veder pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale tale decreto, oggi 4 dicembre il nostro Comune si è visto tagliare ben 108.987,30 euro dal Fondo di Solidarietà Comunale (trasferimenti dello Stato). Tutto questo si trasforma in un'ulteriore versamento IMU che i proprietari di terreni agricoli siti nel nostro Comune dovranno effettuare entro il 16 dicembre 2014.
Sono esenti solamente i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola.

Questo nuovo adempimento fiscale oltre a comportare un ulteriore prelevamento nelle tasche dei cittadini, costringe gli stessi ad una sorta di "caccia al tesoro" per reperire i dati dei terreni, in quanto quelli catastali reperibili dall'Agenzia delle Entrate sono in gran parte non aggiornati e gli uffici comunali non possono essere d'aiuto ai contribuenti.

Per emanare tale decreto il Governo si è preso ben due anni di tempo. Per essere informato e adempiere nei termini, il cittadino ha 15 giorni scarsi di tempo.
Gli uffici stanno monitorando tutte le iniziative presentate dalle associazioni di settore mirate alla modifica della norma e dei termini e modalità di pagamento (articolo di Italia Oggi).
Per ora l'aliquota da applicare è del 9,3 per mille.