L'opera del Michelinangelo

Stampa

MichelinangeloNon si vede ma si sente, non è festa se non c'è Michele che organizza, corre, urla ma ci illustra la storia e le tradizioni canalesi con passione e tanto ardore. Dove c'è da lavorare (e gratis) Michele c'è. Borbotta, borbotta, ma poi il lavoro esce fuori a regola d'arte. E poi ci sono le sorprese: ti invita a casa sua (in Via dei Bravi 14/a, dalle ore 19:00) e con stupore scopri anche l'artista Michele.

Artista innamorato di Canale e della sua storia, artista che è bravo con il pennello come con lo scalpello. Impasta lo stucco, modella il duro legno e con naturalezza ti mostra qualcosa di spettacolare: la ricostruzione del diruto Monterano.

Il castello, San Rocco, San Bonaventura, quelle scalate e l'ingresso di Porta Cretella che ti pare di star lì, sul posto, a godere di tanto spettacolo. Un tuffo nella storia passata e presente è quello che ti trasmettono queste superbe e splendide ricostruzioni. Ma non è tutto lì, ci sono quadri scolpiti nel legno che rappresentano immagini sacre e singole rappresentazioni dei monumenti di Monterano. Una bella, anzi bellissima, esposizione che meriterebbe di essere goduta e fruita da tutti.

Bravo Michele, grazie, con il tuo estro e la tua pazienza hai ridato vita alla nostra storia e valorizzato le capacità artistiche della gente di Canale e Montevirginio.

Angelo Stefani