Il marchese del GrilloChe cosa hanno in comune il leggendario "Ben-Hur", undici premi Oscar, e il trasgressivo "Così fan tutte di Tinto Brass"? "Il vangelo secondo Matteo", capolavoro di Pierpaolo Pasolini, e "Antropophagus" di Joe D‟Amato? "I tre volti della paura" e "Brancaleone alle crociate", "Il marchese del Grillo" e "Ladyhawke", "Demoni" e "Speriamo che sia femmina"? Hanno sicuramente in comune due cose: essere momenti importanti della filmografia italiana e internazionale e soprattutto aver diviso con gli altri una location d'eccezione, uno splendido territorio, il territorio di Canale Monterano, solcato dalle acque del Mignone e del Bicione, caratterizzato dalle antiche rovine di Monterano, da quella piccola gemma che si chiama Stigliano e da quel posto incantato che è l'Eremo di Montevirginio.

Ben-HurIl rapporto tra Canale e il cinema nasce da un particolare a prima vista banale e certamente poco romantico. Prima che luogo d'arte e di natura incontaminata, il nostro territorio possedeva il requisito della vicinanza a Roma e agli studi cinematografici di Cinecittà, e Canale Monterano, così come tutto l'hinterland romano, poteva essere raggiunto in poco più di un'ora, permettere riprese in esterna a basso costo, mettere a disposizione i suoi scenari storico-naturali per la realizzazione di centinaia di opere cinematografiche.

Fa un certo effetto pensare che le scene di molti film siano state girate negli stessi luoghi in cui generazioni di canalesi (e non solo) hanno pescato, corso, passato serenamente le pasquette, così come il cinema, a Canale, non fu e non sarà mai solo la storia di una scenografia naturale, ma la vicenda di uomini e donne che in quella scenografia hanno pure vissuto e lavorato.

 

MonteranoMonterano

monteranoL'antico abitato di Monterano, e la Chiesa di San Bonaventura in particolare, sono stati da sempre tra le locations preferite dal cinema italiano ed estero.

Musoduro (1954)
Maciste contro i cacciatori di teste (1963)
Il vangelo secondo Matteo (1964)
Il tormento e l'estasi (1965)
Una colt in pugno al diavolo (1966)
I cinque della vendetta (1966)
Le due facce del dollaro (1967)
La cintura di castità (1967)
Joe… cercati un posto per morire! (1968)
Indio Black, sai che ti dico… (1970)
Brancaleone alla crociate (1970)
Gli fumavano le colt… (1971)
Non si sevizia un paperino (1972)
Storia di una monaca di clausura (1973)
Mondo candido (1975)

Antropophagus (1980)
Il marchese del Grillo (1981)
Demoni (1985)
Ladyhawke (1985)
Interzone (1987)
Una notte al cimitero (1987)
Capriccio (1987)
La visione del sabba (1988)
L'immagine del desiderio (1997)
Le porte dell'inferno (1990)
Così fan tutte (1992)
Don Quixote de Orson Welles (1992)
Ardena (1997)
L'immagine del desiderio (1997)
Epilogo (2016)

Mignone/BicioneMignone/Bicione

fiume MignoneIl Mignone nasce sui monti Sabatini, nel territorio di Vejano, a nord-ovest del lago di Bracciano, attraversa il territorio dei monti della Tolfa, di cui costituisce il confine settentrionale, e sfocia dopo 62 km nel Tirreno tra Lido di Tarquinia e Civitavecchia, presso Sant'Agostino. Nel suo tratto medio scorre per otto chilometri all'interno della Riserva Monterano e riceve le acque del torrente Bicione.

Camicie Rosse (1952)
Ben-Hur (1959)
La regina dei Tartari (1960)
La regina delle Amazzoni (1960)
La furia dei Barbari (1961)
I fratelli corsi (1961)
Romolo e Remo (1961)
Rosmunda e Alboino (1961)
Maciste nella terra dei ciclopi (1961)
I tre volti della paura (1963)
I due gladiatori (1964)
Il magnifico gladiatore (1964)
Due rrringos nel Texas (1967)
Il suo nome gridava vendetta (1968)
Brancaleone alle crociate (1970)

Quelle sporche anime dannate (1971)
La colt era il suo Dio (1972)
I senza Dio (1972)
Non si sevizia un Paperino (1972)
… altrimenti ci arrabbiamo! (1974)
Remo e Romolo (1976)
Mannaja (1977)
Il marchese del Grillo (1981)
Porca Vacca (1982)
Thor il conquistatore (1983)
Una notte al cimitero (1987)
Le porte dell'inferno (1990)
Don Quixote de Orson Welles (1992)
Arrivederci amore, ciao (2006)
Shadow (2009)

StiglianoStigliano

Terme di StiglianoI Bagni di Stigliano (Aquae Apollinares Vetere) erano considerati un luogo di sosta sia per gli Etruschi ma anche per i Romani che di ritorno dalle campagne militari si fermavano per riposarsi. Sebbene la zona venne abbandonata ai tempi delle invasioni barbariche, le Terme non furono mai dimenticate ma ristrutturate sul finire del ‘700 dalla famiglia Altieri. Oggi offrono un ambiente elegante e raffinato in sintonia con la grandezza del passato e con i comfort del nostro tempo.

Metello (1970)
Pensione Paura (1978)
Porca Vacca (1982)
Se tutto va bene siamo rovinati (1983)
Speriamo che sia femmina (1986)
Il camorrista (1986)
Tolgo il disturbo (1990)

 

altre locationsaltre locations

PalombaraPalombara

Ladyhawke (1985)

Casale PersiCasale Persi

Ladyhawke (1985)

Eremo di MontevirginioEremo di Montevirginio

Tre notti d'amore (1964)
Il provinciale (1971)

Cimitero comunaleCimitero comunale

Delitto sull'autostrada (1982)

Madonna delle GrazieMadonna delle Grazie

I 4 monaci (1962)

S. Maria Assunta in cieloS. Maria Assunta in cielo

Il provinciale (1971)

Palazzo comunalePalazzo comunale

Il provinciale (1971)

Loc. MercarecciaLoc. Mercareccia

Ponzio Pilato (1963)

 

 

Le informazioni sono prese dai lavori di Sara Pulvirenti (Canale Memoria, https://canalememoria.wordpress.com/) e Alessandro Bettarelli ("Canale Monterano, Terre di Cinema", ed. in proprio).